Puglia Megalitica su Facebook Puglia Megalitica su Twitter Puglia Megalitica su YouTube
IT EN
+ Alliste (LE)
2
+ Bagnolo del Salento (LE)
1
+ Bari (BA)
1
+ Bisceglie (BA)
3
+ Bisceglie (BT)
1
+ Bitonto (BA)
3
+ Botrugno (LE)
1
+ Campi Salentina (LE)
2
+ Cannole (LE)
2
+ Carpignano Salentino (LE)
7
+ Casamassima (BA)
1
+ Cassano delle Murge (BA)
1
+ Castrì di Lecce (LE)
3
+ Castrignano del Capo (LE)
2
+ Castro (LE)
2
+ Cavallino (LE)
1
+ Corato (BA)
1
+ Corigliano d'Otranto (LE)
2
+ Cursi (LE)
4
+ Diso (LE)
1
+ Fasano (BR)
1
+ Gagliano del Capo (LE)
4
+ Galatone (LE)
1
+ Giovinazzo (BA)
1
+ Giuggianello (LE)
5
+ Giurdignano (LE)
26
+ Lecce (LE)
4
+ Lequile (LE)
1
+ Lizzanello (LE)
2
+ Maglie (LE)
16
+ Manduria (TA)
1
+ Martano (LE)
5
+ Melendugno (LE)
3
+ Melpignano (LE)
3
+ Miggiano (LE)
1
+ Minervino di Lecce (LE)
6
+ Modugno (BA)
3
+ Morciano di Leuca (LE)
1
+ Muro Leccese (LE)
7
+ Novoli (LE)
1
+ Otranto (LE)
1
+ Palese (BA)
2
+ Palmariggi (LE)
2
+ Patù (LE)
1
+ Poggiardo (LE)
1
+ Racale (LE)
1
+ Ruffano (LE)
4
+ Salve (LE)
1
+ Sammichele di Bari (BA)
1
+ San Cesario di Lecce (LE)
1
+ San Donato di Lecce (LE)
3
+ Santa Cesarea Terme (LE)
1
+ Scorrano (LE)
2
+ Seclì (LE)
1
+ Sogliano Cavour (LE)
1
+ Spongano (LE)
4
+ Statte (TA)
4
+ Sternatia (LE)
2
+ Supersano (LE)
4
+ Taviano (LE)
1
+ Tricase (LE)
4
+ Tuglie (LE)
2
+ Ugento (LE)
2
+ Uggiano la Chiesa (LE)
1
+ Veglie (LE)
2
+ Vernole (LE)
3
+ Zollino (LE)
5
Numero inventario: 10163
Dolmen di Cocumola o Monteculumbu
Minervino di Lecce (LE) - Cocumola
Oggetto: Dolmen
Stato: Assente
Latitudine: 40.06730
Longitudine: 18.43083
Indicazioni stradali:
Contesto ambientale:
Evidenze archeologiche:
Descrizione:
Stato di conservazione: Scomparso
Dimensioni: Lastra orizzontale: m 4.20 x m 1.65 x m 0.25; Perimetro: m 10, 65
Orientamento: Inclinazione verso Sud-Est; Apertura verso Sud-Est
Note storiche: Rinvenuto da Cosimo De Giorgi nel 1877 nel fondo Monteculumbu, si pensa che le dimensioni dovessero essere significative. Fu distrutto dal proprietario del fondo per evitare l’accesso di visitatori nella proprietà. Restano la descrizione e i disegni del De Giorgi. Il lastrone di copertura in calcare compatto grigio dolomitico, a forma di rettangolo irregolare, poggiava su sette ortostati del medesimo calcare, formati da due pietre sovrapposte, e con l’apertura rivolta a Sud-Est. Tutta la struttura poggiava su un banco di roccia affiorante. La differenza di materiale litico della zona con quello del dolmen, fece ritenere al De Giorgi che fosse stato trasportato in loco dall’altopiano di Cerfignano (dista tre chilometri dal sito), dove si trova questo tipo di roccia.
Condizione giuridica:
Mappa