Puglia Megalitica su Facebook Puglia Megalitica su Twitter Puglia Megalitica su YouTube
IT EN
+ Alliste (LE)
2
+ Bagnolo del Salento (LE)
1
+ Bari (BA)
1
+ Bisceglie (BA)
3
+ Bisceglie (BT)
1
+ Bitonto (BA)
3
+ Botrugno (LE)
1
+ Campi Salentina (LE)
2
+ Cannole (LE)
2
+ Carpignano Salentino (LE)
7
+ Casamassima (BA)
1
+ Cassano delle Murge (BA)
1
+ Castrì di Lecce (LE)
3
+ Castrignano del Capo (LE)
2
+ Castro (LE)
2
+ Cavallino (LE)
1
+ Corato (BA)
1
+ Corigliano d'Otranto (LE)
2
+ Cursi (LE)
4
+ Diso (LE)
1
+ Fasano (BR)
1
+ Gagliano del Capo (LE)
4
+ Galatone (LE)
1
+ Giovinazzo (BA)
1
+ Giuggianello (LE)
5
+ Giurdignano (LE)
26
+ Lecce (LE)
4
+ Lequile (LE)
1
+ Lizzanello (LE)
2
+ Maglie (LE)
16
+ Manduria (TA)
1
+ Martano (LE)
5
+ Melendugno (LE)
3
+ Melpignano (LE)
3
+ Miggiano (LE)
1
+ Minervino di Lecce (LE)
6
+ Modugno (BA)
3
+ Morciano di Leuca (LE)
1
+ Muro Leccese (LE)
7
+ Novoli (LE)
1
+ Otranto (LE)
1
+ Palese (BA)
2
+ Palmariggi (LE)
2
+ Patù (LE)
1
+ Poggiardo (LE)
1
+ Racale (LE)
1
+ Ruffano (LE)
4
+ Salve (LE)
1
+ Sammichele di Bari (BA)
1
+ San Cesario di Lecce (LE)
1
+ San Donato di Lecce (LE)
3
+ Santa Cesarea Terme (LE)
1
+ Scorrano (LE)
2
+ Seclì (LE)
1
+ Sogliano Cavour (LE)
1
+ Spongano (LE)
4
+ Statte (TA)
4
+ Sternatia (LE)
2
+ Supersano (LE)
4
+ Taviano (LE)
1
+ Tricase (LE)
4
+ Tuglie (LE)
2
+ Ugento (LE)
2
+ Uggiano la Chiesa (LE)
1
+ Veglie (LE)
2
+ Vernole (LE)
3
+ Zollino (LE)
5
Numero inventario: 10102
Menhir n. 2
Spongano (LE)
Oggetto: Menhir
Stato: Presente
Latitudine: 40.01627
Longitudine: 18.36163
Indicazioni stradali: Hotel Ristorante “Casina Copini”, Via Sant’Angelo.
Contesto ambientale: Si presenta all’interno della Tenuta Copini, Hotel-Ristorante.
Evidenze archeologiche:
Descrizione: Il menhir, di forma quadrangolare, con spigoli e facce regolari, presenta una leggera inclinazione verso Ovest.
Stato di conservazione: Discreto
Dimensioni: Altezza m 2.32; Faccia Nord m 0.51 x Faccia Est m 0.18
Orientamento: Asse lungo Est-Ovest
Note storiche: Anticamente ubicato nel fondo denominato Terenzano di proprietà Rini, il monolite oggi è custodito nella tenuta Copini (stessa proprietà). Alla base della struttura si rileva un intervento di consolidamento in malta cementizia risalente agli anni 80 del 900, ad opera del Sign. Rini, il quale scavò una buca intorno al menhir riempiendola di cemento per consolidare il monolite.
Condizione giuridica: Proprietà privata. Privo di tutela legislativa.
Gallery
Mappa