Puglia Megalitica su Facebook Puglia Megalitica su Twitter Puglia Megalitica su YouTube
IT EN
+ Alliste (LE)
2
+ Bagnolo del Salento (LE)
1
+ Bari (BA)
1
+ Bisceglie (BA)
3
+ Bisceglie (BT)
1
+ Bitonto (BA)
3
+ Botrugno (LE)
1
+ Campi Salentina (LE)
2
+ Cannole (LE)
2
+ Carpignano Salentino (LE)
7
+ Casamassima (BA)
1
+ Cassano delle Murge (BA)
1
+ Castrì di Lecce (LE)
3
+ Castrignano del Capo (LE)
2
+ Castro (LE)
2
+ Cavallino (LE)
1
+ Corato (BA)
1
+ Corigliano d'Otranto (LE)
2
+ Cursi (LE)
4
+ Diso (LE)
1
+ Fasano (BR)
1
+ Gagliano del Capo (LE)
4
+ Galatone (LE)
1
+ Giovinazzo (BA)
1
+ Giuggianello (LE)
5
+ Giurdignano (LE)
26
+ Lecce (LE)
4
+ Lequile (LE)
1
+ Lizzanello (LE)
2
+ Maglie (LE)
16
+ Manduria (TA)
1
+ Martano (LE)
5
+ Melendugno (LE)
3
+ Melpignano (LE)
3
+ Miggiano (LE)
1
+ Minervino di Lecce (LE)
6
+ Modugno (BA)
3
+ Morciano di Leuca (LE)
1
+ Muro Leccese (LE)
7
+ Novoli (LE)
1
+ Otranto (LE)
1
+ Palese (BA)
2
+ Palmariggi (LE)
2
+ Patù (LE)
1
+ Poggiardo (LE)
1
+ Racale (LE)
1
+ Ruffano (LE)
4
+ Salve (LE)
1
+ Sammichele di Bari (BA)
1
+ San Cesario di Lecce (LE)
1
+ San Donato di Lecce (LE)
3
+ Santa Cesarea Terme (LE)
1
+ Scorrano (LE)
2
+ Seclì (LE)
1
+ Sogliano Cavour (LE)
1
+ Spongano (LE)
4
+ Statte (TA)
4
+ Sternatia (LE)
2
+ Supersano (LE)
4
+ Taviano (LE)
1
+ Tricase (LE)
4
+ Tuglie (LE)
2
+ Ugento (LE)
2
+ Uggiano la Chiesa (LE)
1
+ Veglie (LE)
2
+ Vernole (LE)
3
+ Zollino (LE)
5
Numero inventario: 10052
Menhir della Madonna di Costantinopoli
Giurdignano (LE)
Oggetto: Menhir
Stato: Presente
Latitudine: 40.11938
Longitudine: 18.43400
Indicazioni stradali: Strada per Uggiano La Chiesa, all’angolo tra via Salvo D’Acquisto e via San Rocco.
Contesto ambientale: Posto su uno sperone roccioso, nei pressi dell’omonima cappella. Presenta, alle spalle, cartellonistica identificativa, una piattaforma in cemento ospitante alberi e altro tipo di vegetazione naturale.
Evidenze archeologiche:
Descrizione: Il monolite presenta gli spigoli molto segnati e un’inclinazione verso Nord. Visibili tracce di intonaco sulla superficie come anche incrostazioni - depositi stratiformi e compatti composti da sostanze inorganiche e di natura biologica - e una sporgenza sulla sommità unitamente a rotture sullo spigolo ad Est.  
Stato di conservazione: Discreto
Dimensioni: Altezza: m 3.05; Faccia Nord m 0.30 x Faccia Est m 0.34
Orientamento: Asse lungo Nord-Sud
Note storiche: Rinvenuto nel 1930, il Palumbo ne dà notizia nel 1951 su "La Gazzetta del Mezzogiorno". Lo descrive come un parallelepipedo in pietra leccese, collocato su uno sperone roccioso a pochi metri dall’omonima cappella.
Condizione giuridica: Ente pubblico (Comunale). Privo di tutela legislativa.
Gallery
Mappa