Puglia Megalitica su Facebook Puglia Megalitica su Twitter Puglia Megalitica su YouTube
IT EN
+ Alliste (LE)
2
+ Bagnolo del Salento (LE)
1
+ Bari (BA)
1
+ Bisceglie (BA)
3
+ Bisceglie (BT)
1
+ Bitonto (BA)
3
+ Botrugno (LE)
1
+ Campi Salentina (LE)
2
+ Cannole (LE)
2
+ Carpignano Salentino (LE)
7
+ Casamassima (BA)
1
+ Cassano delle Murge (BA)
1
+ Castrì di Lecce (LE)
3
+ Castrignano del Capo (LE)
2
+ Castro (LE)
2
+ Cavallino (LE)
1
+ Corato (BA)
1
+ Corigliano d'Otranto (LE)
2
+ Cursi (LE)
4
+ Diso (LE)
1
+ Fasano (BR)
1
+ Gagliano del Capo (LE)
4
+ Galatone (LE)
1
+ Giovinazzo (BA)
1
+ Giuggianello (LE)
5
+ Giurdignano (LE)
26
+ Lecce (LE)
4
+ Lequile (LE)
1
+ Lizzanello (LE)
2
+ Maglie (LE)
16
+ Manduria (TA)
1
+ Martano (LE)
5
+ Melendugno (LE)
3
+ Melpignano (LE)
3
+ Miggiano (LE)
1
+ Minervino di Lecce (LE)
6
+ Modugno (BA)
3
+ Morciano di Leuca (LE)
1
+ Muro Leccese (LE)
7
+ Novoli (LE)
1
+ Otranto (LE)
1
+ Palese (BA)
2
+ Palmariggi (LE)
2
+ Patù (LE)
1
+ Poggiardo (LE)
1
+ Racale (LE)
1
+ Ruffano (LE)
4
+ Salve (LE)
1
+ Sammichele di Bari (BA)
1
+ San Cesario di Lecce (LE)
1
+ San Donato di Lecce (LE)
3
+ Santa Cesarea Terme (LE)
1
+ Scorrano (LE)
2
+ Seclì (LE)
1
+ Sogliano Cavour (LE)
1
+ Spongano (LE)
4
+ Statte (TA)
4
+ Sternatia (LE)
2
+ Supersano (LE)
4
+ Taviano (LE)
1
+ Tricase (LE)
4
+ Tuglie (LE)
2
+ Ugento (LE)
2
+ Uggiano la Chiesa (LE)
1
+ Veglie (LE)
2
+ Vernole (LE)
3
+ Zollino (LE)
5
Numero inventario: 10109
Menhir Pivataro
Tricase (LE) - Tutino
Oggetto: Menhir
Stato: Presente
Latitudine: 39.93655
Longitudine: 18.35119
Indicazioni stradali: Periferia di Tutino. Via San Leonardo, incrocio con via Degli Armaioli.
Contesto ambientale: Il moncone di menhir si trova al centro di un incrocio, alla periferia del paese. Si erge al di sopra di un alto basamento circolare in pietra.
Evidenze archeologiche:
Descrizione: Posto al centro di un incrocio, su un basamento circolare rivestito di pietra, il megalite mostra i segni di deterioramento dovuti sia a fenomeni atmosferici che a numerosi abbattimenti. Oggi restano due frammenti sovrapposti, riparati in maniera approssimativa e segnati da una linea di frattura molto marcata, a m 0.57 dalla base, dello spessore che va da 5 a 9 cm. Si presenta in pietra locale e con una croce incisa sulla faccia Est a m 0.83 dalla base e una sulla faccia Ovest a m 0.90 dalla base. La gente del luogo lo conosce come "La culonna de Santu Linardu", dal nome di una chiesetta dedicata a S. Leonardo che sorgeva nelle vicinanze. 
Stato di conservazione: Mediocre
Dimensioni: Altezza m 1.23. Faccia Nord m 0.32 x Faccia Est m 0.40.
Orientamento: Asse lungo Nord-Sud
Note storiche: Cosimo De Giorgi non fa menzione di questo menhir, che pure si trovava a poca distanza da quello scomparso di Sant’Eufemia. Il restauro risale alla fine degli anni 90 (‘96/’97).
Condizione giuridica: Ente pubblico (comunale). Privo di tutela legislativa.
Mappa