Puglia Megalitica su Facebook Puglia Megalitica su Twitter Puglia Megalitica su YouTube
IT EN
+ Alliste (LE)
2
+ Bagnolo del Salento (LE)
1
+ Bari (BA)
1
+ Bisceglie (BA)
3
+ Bisceglie (BT)
1
+ Bitonto (BA)
3
+ Botrugno (LE)
1
+ Campi Salentina (LE)
2
+ Cannole (LE)
2
+ Carpignano Salentino (LE)
7
+ Casamassima (BA)
1
+ Cassano delle Murge (BA)
1
+ Castrì di Lecce (LE)
3
+ Castrignano del Capo (LE)
2
+ Castro (LE)
2
+ Cavallino (LE)
1
+ Corato (BA)
1
+ Corigliano d'Otranto (LE)
2
+ Cursi (LE)
4
+ Diso (LE)
1
+ Fasano (BR)
1
+ Gagliano del Capo (LE)
4
+ Galatone (LE)
1
+ Giovinazzo (BA)
1
+ Giuggianello (LE)
5
+ Giurdignano (LE)
26
+ Lecce (LE)
4
+ Lequile (LE)
1
+ Lizzanello (LE)
2
+ Maglie (LE)
16
+ Manduria (TA)
1
+ Martano (LE)
5
+ Melendugno (LE)
3
+ Melpignano (LE)
3
+ Miggiano (LE)
1
+ Minervino di Lecce (LE)
6
+ Modugno (BA)
3
+ Morciano di Leuca (LE)
1
+ Muro Leccese (LE)
7
+ Novoli (LE)
1
+ Otranto (LE)
1
+ Palese (BA)
2
+ Palmariggi (LE)
2
+ Patù (LE)
1
+ Poggiardo (LE)
1
+ Racale (LE)
1
+ Ruffano (LE)
4
+ Salve (LE)
1
+ Sammichele di Bari (BA)
1
+ San Cesario di Lecce (LE)
1
+ San Donato di Lecce (LE)
3
+ Santa Cesarea Terme (LE)
1
+ Scorrano (LE)
2
+ Seclì (LE)
1
+ Sogliano Cavour (LE)
1
+ Spongano (LE)
4
+ Statte (TA)
4
+ Sternatia (LE)
2
+ Supersano (LE)
4
+ Taviano (LE)
1
+ Tricase (LE)
4
+ Tuglie (LE)
2
+ Ugento (LE)
2
+ Uggiano la Chiesa (LE)
1
+ Veglie (LE)
2
+ Vernole (LE)
3
+ Zollino (LE)
5
Numero inventario: 10011
Menhir Staurotomea o Croce Grande
Carpignano Salentino (LE)
Oggetto: Menhir
Stato: Presente
Latitudine: 40.20402
Longitudine: 18.34950
Indicazioni stradali: Dopo il Santuario della Madonna Grande, svoltare a destra nella strada comunale Pasulo, proseguendo per circa 500 m fino all’incrocio della strada comunale Pasulo con la strada comunale Indriccio e vicinale Cantature.
Contesto ambientale: Al centro di un incrocio di vie vicinali, alla periferia del paese. Nei terreni intorno sono presenti uliveti, vegetazione naturale e sul lato Nord-Ovest una proprietà privata recintata costituita nella parte bassa da un muretto (edificato in parte a secco, in parte in mattoni cementizi) e nella parte alta da rete metallica e lamiere.
Evidenze archeologiche:
Descrizione: Il moncone di menhir è alloggiato al centro di una piazzola pavimentata in pietra, appositamente realizzata. Al momento dei rilievi si evidenzia la presenza di vegetazione. Oggi quel che ne resta è la parte superiore, alta m 1,47 in pietra locale, sulla quale è presente un profondo solco che serviva sicuramente a sorreggere una croce.  Presenta gli spigoli fortemente smussati, in particolar modo quello rivolto a Nord, e una leggera pendenza a Nord-Ovest.  L’intera superficie è ricoperta da licheni, mentre alla base si rileva della vegetazione.    
Stato di conservazione: Mediocre
Dimensioni: Altezza m 1.47; Faccia Nord Est m 0.55 x Faccia Nord Ovest m 0.27
Orientamento: Facce larghe Nord Ovest - Sud Est
Note storiche: Il monolite, descritto da Cosimo De Giorgi nel 1880, era alto m 4,10 e presentava croci graffite sulla faccia rivolta ad Ovest. Fu più volte abbattuto alla ricerca dell’Acchiatura (tesoro) e più volte rialzato.  Numerose le leggende sorte intorno al Menhir, tra cui una, riportata dallo stesso De Giorgi che narra di un tesoro di monete d’oro e d’argento protetto dagli spiriti maligni, nascosto alla base del menhir. "Due sorelle, una nubile e l’altra maritata verranno un giorno a riposare ai piedi di questa colonna; questa cadrà e ne accopperà una, la maritata; e l’altra troverà sotto la pietrafitta il tesoro nascosto". Il termine "Staurotomea" è la traduzione in lingua grica di "croce grande".
Condizione giuridica: Comunicazione riconoscimento interesse archeologico, n. prot. 6289 del 29/05/1987, della Soprintendenza per i Beni Archeologici della Puglia al Comune di Carpignano Salentino. Ente pubblico.
Tour Virtuale
Gallery
Mappa